WHAT


12:06, 29 Sep 18


PEPE 016


UIC_URBAN INTERVENTION CAMP Abitare i luoghi dell’oblio Giulia Mazzorin I Il progetto nasce dalla volontà di attuare un uso temporaneo di quei luoghi abbandonati della città che ancora rappresentano una risorsa importante per lo sviluppo del territorio e delle persone che lo attraversano. Esiste una fase di transizione, che comprende il tempo che intercorre tra il momento dell’abbandono e l’inizio di un nuovo investimento di riqualificazione immobiliare, nel quale il bene continua ad attrarre molteplici interessi. Si tratta di un interstizio temporale che può accogliere percorsi formativi trans-disciplinari e sperimentazione nel campo della produzione artistica e del design. L’interesse nell’attivare queste pratiche scaturisce dalla necessità di rallentare il processo di degrado che nell’arco di queste fasi transitorie rischia di essere l’unico protagonista nel determinare la trasformazione e la perdita di valore di un Patrimonio. Abitare un luogo dell’oblio significa contribuire al miglioramento spaziale dello stesso per permettere la presenza dell’uomo, e la sperimentazione di nuovi linguaggi estetici che si materializzano in dispositivi artistico-creativi di adattamento e trasformazione dello spazio reso inospitale dal tempo e dall’incuria.

PEPE Giulia Mazzorin Andrea Curtoni Dal 2012 abbiamo attraversato informalmente l’ex Caserma d’artiglieria G.Pepe con studenti e artisti, ora abbiamo deciso di chiedere al Demanio la struttura in concessione d’uso temporaneo per un tempo che ci permettesse di stare e conoscere il luogo in modo diverso. Dal 26 Agosto BURB sarà in Residenza alla Pepe fino al 20 Settembre, con un’interruzione il 3 e 4 Settembre. Una breve parentesi di tempo che apre ad un campo di possibilità. Il tempo di un mese per vivere la presenza e l’oblio della Caserma Pepe ed elaborare una riflessione sul significato e sulle possibilità dell’uso temporaneo di questo luogo. Un mese per studiare, sperimentare ed elaborare una ricerca che nasca dall’esperienza fisica su campo, a partire dalla condizione di poter utilizzare solo gli spazi aperti. Oggi la struttura militare appare come un’enclave inospitale, la caserma e la piazza d’armi svuotate dalla loro funzione d’uso originaria sono dispositivi il cui ordine spaziale sembra inesorabilmente sgretolarsi. A riscrivere il destino d’uso di questi spazi fessurazioni, infiltrazioni, rotture, distaccamenti, nuovi usi e la natura che penetra ovunque. Questa residenza sarà un laboratorio per abitare la caserma, per sperimentare la nostra presenza, per documentare le alterazioni spaziali prodotte nel graduale processo di adattamento e trasformazione, per progettare ed agire nuovi immaginari possibili.

La riflessione/azione sullo spazio fisico e l’uso temporaneo verrà scandito in tre fasi principali:

  1. Esprimere l’oblio. Ascolto, misura, rilievo senza trasformare, ma con piccoli interventi leggeri, dar parola al luogo dell’oblio, com’è oggi

- momento esplorativo - ascolto, misura, rilievo - mappare, cartografare - archivio della memoria - primo nucleo, intervento minimo di adattamento al contesto

  1. Adeguamento reciproco. Incontro, insediarsi prima trasformazione a partire dalla necessità di stabilire un rapporto con lo spazio, un pubblico, l’ esterno e l’interno

- tempi di apertura e chiusura - Il dentro e fuori la caserma - il cammino d’accesso - la soglia

  1. Consolidamento. Diversi usi

- in questa fase si darà più attenzione a come, materialmente, ogni presenza artistica/progettuale modifica lo spazio in cui opera e disegna la nuova immagine della Caserma.

WHAT ?

FUTUR

Buongiorno, lunedì apriamo lo spazio” come fare di Roma una scuola?” al macro asilo, vedi programma [www.museomacro.it](https://www.museomacro.it/Static/MACRO_Progr_ottobre_con%20copertina_per%20sito.pdf) Forse con eccessivo entusiasmo abbiamo dato appuntamento alle 10 di mattina al No Working per portare l’archivio a piedi con dei carrelli o bravette. Sarebbe bellissimo riuscirci ma chi verrebbe? E chi ha un carrellino? Ne servono 10 per trasportare 20 casse.... rsvp

LORENZO
12:06, 29 Sep 18

LUCA MUSCARÀ
20:01, 13 Aug 18

LUCA MUSCARÀ
18:05, 20 Jul 18

LUCA MUSCARÀ
18:05, 20 Jul 18

LORENZO BOTTIGLIERI
17:57, 07 Jul 17

G. OLMO STUPPIA
18:36, 06 Jul 17

ANDREA CURTONI
12:33, 16 Jun 17

ANDREA CURTONI
12:32, 16 Jun 17

Burb/PEPE

VINCENT GIARDINA
12:32, 16 Jun 17

G. OLMO STUPPIA
09:27, 11 Jun 17

12:32, 16 Jun 17

Facebook

Twitter

info@biennaleurbana.com

download Telegram
to Join our Fluxes